Trovare le proprie ancore per non perdersi in un percorso

All’inizio di un percorso tutto è nuovo, bello e si è carichi di energia e voglia di sperimentare. Dopo un po’ però l’entusiasmo viene a mancare. Ciò che era “nuovo” inizia a diventare routine e trovare nuovi stimoli o entusiasmo per andare avanti, diventa più difficile. Ci si dimentica anche delle motivazioni che ci avevano spinto a intraprendere quel cammino.

Tra i libri che mi hanno ispirata ad abbracciare uno stile di vita eco sostenibile c’è il libro “Vivere intenzionalmente” di Silvio Gulizia che consiglia di fare affidamento sui propri valori, fondamentali per non mollare la scelta fatta. Il suo esempio è questo: se si mette in cima alle lista dei valori personali il trascorrere il tempo con la propria famiglia, al rientro a casa dal lavoro sarà più facile spegnere il telefono e con lui le infinite distrazioni per dedicarsi completamente ai propri bambini. Il valore ci ricorda così anche le azioni da compiere.

Nel mondo eco sostenibile preferisco usare il termine “ancora” a “valore”. L’ancora tiene ben saldi, l’ancora ci permette di fermarci senza perderci mentre consultiamo la rotta.

Quali potrebbero essere queste “Ancore”?

Beh innanzitutto capire qual è stato il primo passo che ha fatto adottare uno stile di vita eco sostenibile, cosa dell’eco sostenibilità potrebbe fare la differenza nella propria vita e cosa lo farebbe a livello mondiale.

Ad esempio potrebbero essere:

  • Informarmi sui prodotti e comportamenti eco sostenibii.
  • Chiedersi “mi serve veramente/ne ho bisogno?” prima di un acquisto (anche se eco sostenibile. Ne avevo parlato qui https://bit.ly/decluttering_ecosostenibile )
  • Se esiste una soluzione plastic free, preferisco acquistare quella!

E’ possibile ampliare e cambiare le proprie ancore nel corso della vita, però è bene averle salde e chiare , provare sempre piacere nell’applicarle anche alla millesima volta sapendo di fare qualcosa di buono per se stessi, per chi ci è vicino, ma anche lontano.

Le ancore sono utili sia all’inizio per partire con obiettivi chiari e precisi, sia in qualunque altro momento, per ritornare sui propri passi e ritrovare la motivazione di partenza che permette di continuare.

Può capitare di smarrirsi. A me è successo, succede e succederà ancora, ma per non perdermi completamente torno alle mie ancore.

Hai già pensato alle tue ancore per fermarti e fissare il tuo percorso senza smarrire la rotta?

Pubblicato da luisa vernelli

Attrice, speaker radiofonica per Radio Sange in cui conduce "Weekend Lulu" un programma di buone notizie on onda ogni weekend. Fin da piccola si riempiva le tasche delle giacche e pantaloni con carte, fazzoletti e altri rifiuti pur di non buttarli mai in terra! "Se vuoi cambiare il mondo diffondi il bello per far sì che si moltiplichi"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: