Swap Party

Nuovi abiti nell’armadio, a costo zero? Non è un sogno, ma swap party!

Lo butto o lo tengo? L’eterno dilemma davanti a molti capi sepolti nel guardaroba! Alzi la mano chi davvero indossa (stagione permettendo) tutti i vestiti del suo armadio nell’arco di 12 mesi?

Da uno studio risulta che in ogni guardaroba ci siano ben 22 indumenti che non vengono indossati: taglie sbagliate, taglie che erano perfette alcuni panettoni fa, capi che forse, magari, potrebbero tornare di moda… e così si finisce per accumulare vestiti su vestiti comprandone sempre di nuovi. Il portafogli si svuota mentre l’armadio esplode per poi indossare sempre quei 10 outfit ammassati sulla sedia!

Il settore moda, purtroppo, è a forte impatto ambientale. Gli stilisti, nell’ultimo periodo, si sono dimostrati molto più sensibili alle tematiche ecosostenibile impegnandosi a utilizzare tessuti naturali, creando “mode” che si protraggano per più tempo e proponendo negli showroom vestiti secondo stagione.

Se un milione di persone comprasse vestiti di seconda mano, verrebbero prodotti 6 milioni di kg di anidride carbonica in meno.

In tempi di saldi non è facile resistere al richiamo della scritta a caratteri cubitali “SALE” fuori da ogni negozio. Lo shopping è anche una coccola e alcune volte dei capi sono indispensabili. Buona norma sarebbe quella di dare una sbirciatina profonda alla propria Narnia non solo per i cambi stagionali, ma anche prima dei saldi. Scartare ciò che non vede la luce da un anno e segnarsi cosa acquistare.

Cosa fare di quei vestiti che non indossiamo più? SWAP PARTY!

Esiste uno shopping eco sostenibile che in realtà è un “party” di vestiti che a me piace molto perché permette di dare una seconda vita a quei 22 capi dimenticati nell’armadio! Sto parlando dello SWAP PARTY! Molto in voga oltre oceano!

Swap significa scambiare. Negli swap party infatti ci si scambiano i vestiti, in modo equo. Ad ogni indumento o accessorio portato, viene affidato un punteggio in base alla marca, tessuto e “consumo”. Pertanto si potrà prendere a costo zero un oggetto di ugual valore. Se per caso ci si è innamorati di un vestito che ha un punteggio superiore al nostro, si può aspettare la fine dello swap party e se quel capo non viene preso da chi ha quel punteggio tra i suoi cartellini, è possibile aggiungere la differenza di punti in denaro e portarlo così a casa al posto dei vestiti che abbiamo portato.

I vestiti che rimangono allo swap party, solitamente vengono ceduti in beneficenza (in realtà non ne sono così sicura, ma a me piace pensarla così e lanciare questa idea!)

Non di rado lo stesso indumento che su di noi non stava bene, su un’altra persona magicamente riacquista valore. Magari non era il nostro stile, non sapevamo come abbinarlo… però è anche bello vedere come vestiti che nel nostro armadio erano defunti, riacquistano subito vita.

A volte ciò che non ci piace più o non ci va più bene, può trovare una nuova vita ed è giusto donargliela.

Il decluttering aiuta anche a stare meglio, ci libera da tante energie trattenute.. ma di questo argomento, ve ne parlerò presto in un altro articolo!

SWAP PARTY… ne organizziamo uno online??!!??

Pubblicato da luisa vernelli

Attrice, speaker radiofonica per Radio Sange in cui conduce "Weekend Lulu" un programma di buone notizie on onda ogni weekend. Fin da piccola si riempiva le tasche delle giacche e pantaloni con carte, fazzoletti e altri rifiuti pur di non buttarli mai in terra! "Se vuoi cambiare il mondo diffondi il bello per far sì che si moltiplichi"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: